home



...Devo molto a quelli che non amo.

Il sollievo con cui accetto che siano più vicini a un altro, la gioia di non essere io il lupo dei loro agnelli.

Mi sento in pace con loro e in libertà con loro

e questo l'amore non può dartelo...


Wislava Szymborska

Ci sono persone con qualcosa di speciale...

...E cose ancora più speciali

Il dovere di non dimenticare

il coraggio di non perdonare

Spesso le parole sono esaltate dalle immagini...

“Il mio nome è Giovanni “


Ed ora che sono polvere ed ombra

la ricordo quella voragine profonda, l’attimo che precipitava

l’inerme scivolare lungo il crepaccio

fino a planare in un cielo capovolto, in una calma di vento

Il cuore appoggiato ad un fiore di cristallo


e li ricordo i vetri rotti, gli occhi vuoti, la pena degli indifesi

l’attimo che segue al detto, il gorgo nella gola

la lentezza del tempo che gridava

il silenzio della parola monca


e ricordo che mi chiamavano Giovanni

che la morte mi cercava

ansimava ogni notte nel mio letto

mi accoglieva nel suo amplesso profondo

e mi dormiva accanto senza esserci


e le ricordo quelle belve impigliate sotto pelle

le pause come richiami, le parole sazie di stupore

gli occhi pesti di sogni ormai dimenticati

ed io che trattenevo il fiato rinunciando all’amore, al

futuro, alle certezze


e poi ricordo solo il mare, il profumo di zagare e limoni

il grido di Francesca aggrappato ad un altro nome

le lacrime, la sapienza del cuore

e tutto che taceva

in quel cielo azzurro dove finiva l’approdo

restava solo il silenzio dei vivi

il soffio di una luce guasta


ed un dolore assurdamente bianco

che ci sorrideva


a Capaci in quel giorno di maggio.



Ai sensi delle leggi vigenti, è vietata la riproduzione parziale o totale delle immagini e dei testi contenuti nel sito senza autorizzazione.